martedì 31 gennaio 2012

Sopravvivere a una madre.

In "Manhattan" (Woody Allen, 1979) Isaac Davis (Woody Allen) racconta a Mary Wilke (Diane Keaton), mentre i due passeggiano per le strade di NY, che la sua seconda moglie l'ha lasciato per un'altra.
Ecco un brano del dialogo, alla fine del quale Doppiovubi rinviene un'affermazione discretamente folgorante.

Mary: D'you have kids?
Isaac: Yeah. He's being raised by two women.
M.: I think it works. They made some studies, I read in a psychoanalytic quarterly. You don't need a male. Two mothers are fine.

I.: Really? Because I feel very few people survive one mother.

W.B.

mercoledì 25 gennaio 2012

L'ora è fuggita.

"If there’s one thing I learned in prison it’s that money is not the prime commodity in our lives.
Time is."
[Gordon Gekko, Wall Street - Money Never Sleeps]


"Insegnaci dunque a contar bene i nostri giorni,
per acquistare un cuore saggio."
[Salmo 90,12]

W.B.

giovedì 12 gennaio 2012

La Tribù di Gad.

Gad Lerner ha detto davanti a un'operaia - che lavora da quando aveva quattordici anni e che adesso non potrà andare in pensione come programmato - che lui potrebbe permettersi, in quanto "benestante", una Ferrari.
Poco dopo ha aggiunto che nell'essere "benestanti", quando ciò è dovuto al talento e al sudore della fronte, non ci vede niente di male.


W.B.

mercoledì 11 gennaio 2012

Return of the Doppiovubi.

Doppiovubi è stato a lungo assente perché ha riflettuto molto sui seguenti temi:


- l'inaccettabile sfruttamento (non solo economico) dell'uomo sull'uomo;

- l'imprescindibile necessità di farsi carico del dolore altrui;

- il reale progetto di Dio per ciascuno di noi;

- l'ineluttabile e incolmabile solitudine di ogni essere umano.



W.B.